POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 21 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

contravvenzioni | 27 Novembre 2020

Inottemperanza all’invito a presentarsi della polizia: nessuna condanna se questo non è «legalmente dato»

di La Redazione

Non sussiste la contravvenzione di cui all’art. 650 c.p. quando il provvedimento dell’autorità che invita l’interessato a presentarsi alla polizia giudiziaria affinché sia sentito come persona informata dei fatti di procedimento penale in corso non possa ritenersi «legalmente dato», come avviene quando la comunicazione faccia esclusivo riferimento a generici «motivi di giustizia».  

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 33374/20; depositata il 26 novembre)

Così la Suprema Corte con la sentenza n. 33374/20, depositata il 26 novembre.   Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere condannava gli imputati per il reato di cui all’art. 650 c.p., non avendo essi osservato, senza giustificato...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.