POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 16 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la persona | 20 Novembre 2020

Lite in strada, colpisce con l’ombrello l’avversario: riconosciuta l’aggravante prevista per l’utilizzo di un’arma

di La Redazione

Entrambi colpevoli gli uomini protagonisti dello scontro, originato da un’incomprensione riguardante la circolazione stradale. Logico parlare di arma in riferimento all’ombrello utilizzato da un litigante per colpire al volto l’avversario.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 33525/20; depositata il 19 novembre)

L’incomprensione tra due automobilisti diventa in breve una vera e propria lite. La presenza della pioggia rende facile il ricorso di entrambi all’ombrello nello scontro: uno però si limita a minacciare, l’altro invece lo utilizza...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.