POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

Decreto coronavirus | 19 Novembre 2020

Sospensione della prescrizione causa COVID: infondate le questioni di legittimità costituzionale

di La Redazione

Esaminate nella camera di consiglio della Corte Costituzionale del 18 novembre 2020, sono state dichiarate infondate le questioni di legittimità costituzionale relative all’applicabilità della sospensione della prescrizione prevista dai d.l. nn. 18 e 23/2020 in relazione all’emergenza COVID-19 anche nei processi per reati commessi prima dell’entrata in vigore delle nuove norme.

La Consulta ha ritenuto non fondate le questioni di legittimità costituzionale sollevate dai Tribunali di Siena, Spoleto e Roma in relazione all’applicabilità della sospensione della prescrizione prevista dai d.l. nn. 18 e 23/2020 per ’emergenza COVID-19 anche nei processi per reati commessi prima dell’entrata in vigore delle nuove norme.

 

Secondo i Giudici di merito, la sospensione retroattiva della prescrizione, prevista dal legislatore per la medesima durata della sospensione dei termini processuali – quindi dal 9 marzo all’11 maggio 2020 – violerebbe il principio di irretroattività della legge penale più sfavorevole (v. la news Sospensione della prescrizione causa Coronavirus: la questione alla Consulta).

 

Come si legge nel comunicato stampa che anticipa la decisione, la Consulta «ha ritenuto che la disciplina censurata non contrasti con l’articolo 25, secondo comma, della Costituzione né con i parametri sovranazionali richiamati dall’articolo 117, primo comma, della Costituzione».
Non resta che attendere il deposito della sentenza, previsto per le prossime settimane, per conoscere le motivazioni della decisione.