POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 16 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

riti alternativi | 19 Novembre 2020

La Corte Costituzionale conferma l’applicabilità del rito abbreviato ai delitti punibili con l’ergastolo

di La Redazione

La Consulta ha dichiarato non fondate le questioni sollevate dai Tribunali di La Spezia, Napoli e Piacenza sull’inapplicabilità del giudizio abbreviato ai reati punibili con la pena dell’ergastolo.

Riunitasi ieri, 18 novembre 2020, La Corte costituzionale ha esaminato le questioni sollevate dai Tribunali di La Spezia, Napoli e Piacenza sull’inapplicabilità del giudizio abbreviato ai reati punibili con la pena dell’ergastolo e le ha dichiarate infondate.

In attesa del deposito della sentenza, l’Ufficio stampa fa sapere che la Consulta ha affermato che «la disciplina censurata è espressione della discrezionalità legislativa in materia processuale, e non si pone in contrasto con i principi di uguaglianza e di ragionevolezza di cui all’art. 3 Cost., con il diritto di difesa di cui all’art. 24 Cost., con la presunzione di non colpevolezza di cui all’art. 27, comma 2, Cost né con i principi del giusto processo, in particolare con quello della ragionevole durata (art. 111, comma 2, Cost.)».