POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

decreto coronavirus | 11 Novembre 2020

Il Massimario analizza l’impatto del D.L. Ristori sul giudizio penale in Cassazione

di La Redazione, da ilprocessotelematico.it

L’Ufficio del Massimario penale della Cassazione, nella relazione n. 87, ha illustrato le novità per il giudizio penale in Cassazione introdotte dal d.l. 28 ottobre 2020, n. 137 (decreto Ristori) a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

L’Ufficio del Massimario penale della Cassazione ha pubblicato, lo scorso 2 novembre 2020, la relazione n. 87 nella quale ha illustrato le novità introdotte, per il giudizio penale in Cassazione, dal d.l. 28 ottobre 2020, n. 137 (decreto Ristori). Le introduzioni sono in vigore dal 29 ottobre 2020.

Attraverso un confronto con l’art. 83 del D.L. n. 18/2020, che ha disciplinato la prima fase dell’emergenza sanitaria optando per un sostanziale blocco dell’attività giudiziaria, il documento analizza gli interventi operati dal legislatore per contemperare la tutela della saluta con lo svolgimento dell’attività giurisdizionale.

 

Per quanto riguarda l’attività che interessa la Cassazione, viene sottolineato che la regola generale per i procedimenti davanti alla Suprema Corte è quella dell’udienza non partecipata.

Infatti, l’art. 23 comma del D.L. Ristori prevede che «per la decisione sui ricorsi proposti per la trattazione a norma degli artt. 127 e 614 c.p.p. la Corte di cassazione procede in Camera di consiglio senza l'intervento del procuratore generale e dei difensori delle altre parti, salvo che una delle parti private o il procuratore generale faccia richiesta di discussione orale. Entro il quindicesimo giorno precedente l'udienza, il procuratore generale formula le sue richieste con atto spedito alla cancelleria della Corte a mezzo di posta elettronica certificata».

Il documento poi illustra la disciplina transitoria e i relativi termini per avanzare la richiesta di discussione orale.

 

Riguardo le modalità di deposito di atti e documenti nel giudizio in Cassazione l’art. 23, comma 8, del d.l. n. 137/2020 prevede che le richieste, le conclusioni delle parti e la richiesta di discussione orale siano inviate tramite PEC.

Parimenti applicabile al giudizio di legittimità è la previsione dettata dall’art. 24, c. 5, del decreto Ristori che prevede che la cancelleria, a seguito della ricezione degli atti di parte inviati via PEC, debba annotare la data di ricezione dell’atto, provvedendo anche all’inserimento nel fascicolo della copia analogica.

 

(Fonte: ilprocessotelematico.it)

 

 



Qui la relazione del Massimario della Corte di Cassazione n. 87