POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 05 dicembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure cautelari | 23 Ottobre 2020

Il giudice è obbligato a disporre la perizia solo in caso di apprezzabile fumus sull’incompatibilità col regime carcerario

di Serena Gentile - Avvocato penalista

«La permanenza nel sistema penitenziario può essere deliberata se il giudice accerta che esistono istituti in relazione ai quali può formularsi un giudizio di compatibilità rispetto alle patologie sofferte dal detenuto, indipendentemente dalle valutazioni dell’autorità amministrativa. Invero, l’effettuazione della perizia diventa obbligatoria ex art.299, comma 4-ter c.p.p. solo in presenza di un apprezzabile fumus di sussistenza di ragioni di incompatibilità col regime carcerario».  

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 29378/20; depositata il 22 ottobre)

La Corte di Cassazione, con la pronuncia n.29378/20, depositata il 22 ottobre u.s., si pronuncia in tema di misure cautelari, con particolare riguardo all’ipotesi di istanza di scarcerazione fondata sull’assunto dell’incompatibilità...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.