POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 27 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

Reati fallimentari | 07 Settembre 2020

Bancarotta fraudolenta: la prova della distrazione o dell’occultamento dei beni societari può desumersi dall’assenza della loro destinazione

di La Redazione

La Suprema Corte richiama il consolidato orientamento giurisprudenziale secondo cui, in tema di bancarotta fraudolenta, la prova della distrazione o dell’occultamento dei beni della società dichiarata fallita può essere desunta anche dalla mancata dimostrazione della destinazione degli stessi da parte dell’amministratore.  

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 25108/20; depositata il 4 settembre)

Questa la decisione della Corte di Cassazione n. 25108/20, depositata il 4 settembre.   La Corte d’Appello di Firenze confermava la sentenza del Tribunale di Prato avente ad oggetto la declaratoria della responsabilità penale...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.