POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 19 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

Delitti contro il patrimonio | 04 Settembre 2020

Rubata una bici lasciata in strada senza catena antifurto: riconosciuta l’aggravante della “esposizione alla pubblica fede”

di Attilio Ievolella

Confermata in Cassazione la condanna così come pronunciata in Appello. Per i Giudici l’aggravante prevista per l’esposizione di un bene alla pubblica fede va collegata non solo alla consuetudine ma anche alla necessità di lasciare il velocipede in strada. Questo ragionamento non può essere messo in discussione dalla mancata apposizione, da parte del proprietario del veicolo, di una catena antifurto e dalla presenza in zona di impianti di sorveglianza.  

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 25035/20; depositata il 3 settembre)

Pena più severa per il ladro che porta via una bici parcheggiata in strada dal suo legittimo proprietario. Irrilevanti il contesto di un piccolo paese, il mancato impiego di una catena antifurto e la presenza di un impianto di videosorveglianza....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.