POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 28 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

sostanze stupefacenti | 02 Settembre 2020

Reato commesso durante il lockdown: impossibile riconoscere una maggiore rilevanza penale

di La Redazione

Il controllo compiuto dalle forze dell’ordine pone sotto accusa un uomo, beccato in possesso di circa 27 grammi di droga. Ipotizzata la detenzione a fini di cessione. Respinta la linea difensiva del piccolo spaccio. I Giudici della Cassazione, però, ritengono che il fatto che la condotta illegale sia stata compiuta durante l’isolamento per evitare la diffusione del COVID-19 non la rende più grave.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 25012/20; depositata il 2 settembre)

Avere commesso un reato – detenzione di droga a fini di spaccio, per la precisione – durante il lungo periodo di isolamento forzato dovuto alla diffusione del COVID-19 non lo rende più grave. (Cassazione, sentenza n. 25012/20, sezione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.