POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure cautelari | 31 Agosto 2020

Sospensione dei procedimenti per Covid-19: nessun automatismo per la custodia cautelare in carcere

di Alessio Ubaldi

In base alle previsioni dell’art. 83, d.l. n. 18/2020 (c.d. “Cura Italia”), mentre per i casi di cui al comma 2 l’esclusione dalla sospensione dei termini e dal rinvio d’ufficio operava automaticamente, senza alcun impulso di parte, per quelli di cui al comma 3, affinché non operasse, l’imputato o il suo difensore avrebbero dovuto chiedere che l’udienza fosse tenuta, sicché la mancata richiesta di procedere alla trattazione non incide sull’efficacia della misura.  

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 24431/20; depositata il 28 agosto)

Lo ha stabilito la Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 24431, depositata in cancelleria il 28 agosto 2020.   Custodia cautelare in carcere appena prima del lockdown. Il caso di specie riguarda l’applicazione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.