POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 05 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

legittima difesa | 22 Luglio 2020

La “nuova” legittima difesa non consente sempre e comunque di imbracciare le armi

di Paolo Grillo - Avvocato penalista

La modifica legislativa che ha interessato l'esimente della legittima difesa non modifica la struttura dell'istituto. L'introduzione della presunzione di proporzionalità nel caso della legittima difesa c.d. domiciliare non esclude la necessità che l'intervento difensivo debba essere volto a fronteggiare un pericolo attuale di un'offesa ingiusta, non neutralizzabile se non mediante il ricorso all'autodifesa. Da ciò ne discende che non è consentita un'indiscriminata reazione violenta nei confronti di qualsiasi condotta intrusiva posta in essere da terzi.  

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 21794/20; depositata il 21 luglio)

Così ha stabilito la Corte di Cassazione, Sezione Prima Penale, con la sentenza n. 21794/20 depositata il giorno 21 luglio.   Il rischio sempre attuale del populismo penale. E' ormai un fenomeno noto anche agli osservatori meno...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.