POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 28 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

sostanze stupefacenti | 22 Luglio 2020

La Cassazione sulle ricadute della giurisprudenza costituzionale sullo spaccio di sostanze stupefacenti

Quali sono i limiti all’operato del giudice dell’esecuzione che debba rideterminare la pena applicata su richiesta?

di Donato La Muscatella - Avvocato

La Suprema Corte torna ad occuparsi di un indirizzo pretorio particolarmente fertile, relativo al perimetro entro il quale debba svolgersi l’incidente di esecuzione finalizzato a rendere costituzionalmente legittimo il trattamento sanzionatorio imposto, prima dell’intervento della Consulta, per il delitto di cui agli artt. 73, comma 1, e 80, d.P.R. n. 309/1990.  

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 21815/20; depositata il 21 luglio)

Lo fa, rispetto ad una pena in concreto frutto dell’approvazione dell’accordo intervenuto tra le parti al processo. Con l’occasione, gli Ermellini fotografano lo stato dell’arte in subiecta materia, modificata più volte...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.