POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 31 marzo 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro il patrimonio | 18 Febbraio 2020

Rubati due chili e mezzo di pinoli: il valore e l’impossibilità del consumo personale fanno cadere l’ipotesi della “non punibilità”

di La Redazione

Definitiva la condanna per uno dei due ladri, beccati ad operare in un supermercato. Logico parlare di furto, impossibile, invece, ipotizzare un danno lieve. Decisivo il richiamo al valore economico della merce sottratta, che di certo, secondo i Giudici, non poteva essere destinata a un consumo esclusivamente personale.

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 5970/20; depositata il 17 febbraio)

Furto assai particolare in un supermercato: vengono portati via tre chilogrammi e mezzo di pinoli. Protagonisti dell’atipico colpo sono due uomini, che finiscono sotto processo per “furto”. Sacrosanta la condanna, secondo i giudici,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.