POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 22 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la persona | 05 Novembre 2019

Punizioni severe per le figlie: plausibile la condanna per maltrattamenti

di Attilio Ievolella

Sotto accusa due genitori che hanno insultato e percosso le figlie, ricorrendo non solo alle parole e alle mani, ma anche a degli oggetti. Respinta l’ipotesi difensiva secondo cui gli episodi incriminati siano catalogabili solo come punizioni eccessive. Per i Giudici è un evidente caso di maltrattamenti. Nessuna giustificazione per la coppia, che però si salva grazie alla prescrizione.

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 44893/19; depositata il 5 novembre)

Umiliazioni, insulti e percosse. Vita da incubo per due sorelle, vittime delle punizioni bestiali inferte dai genitori, capaci non solo di ferirle con le parole ma anche con le mani e, in alcune occasioni, addirittura con degli oggetti. Logico, secondo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.