POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 05 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

ricusazione | 30 Ottobre 2019

Quale sorte per gli atti compiuti da giudice poi ricusato ovvero che si sia astenuto?

di Enrico Fontana - Avvocato penalista

Nel caso di dichiarazione di ricusazione, gli atti compiuti dal giudice ricusato diversi da quelli aventi “natura probatoria” dispiegano ancora gli effetti propri, salva pur sempre la possibilità del nuovo giudice – nella pienezza dei poteri che senz’altro gli si deve attribuire – di assumere determinazioni diverse.    

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 44120/19; depositata il 29 ottobre)

Gli Ermellini intervengono a chiarire e soprattutto a delimitare i principi, già affermati sul punto, dalle Sezioni Unite con la pronuncia n. 13626/2011. Così con sentenza n. 44120/19 depositata il 29 ottobre.   Gli effetti...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.