POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 03 giugno 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

atti processuali | 11 Ottobre 2019

Atti coperti da segreto e divieto di pubblicazione. Precisazioni della Corte

di Laura Piras - Avvocato

Gli atti coperti da segreto, ai sensi dell’art. 114 c.p.p. in relazione all’art. 329 c.p.p., non solo non possono essere pubblicati per esteso, ma degli stessi non può essere pubblicato nemmeno l’argomento, il soggetto o il tema. Diversamente, ove l’atto non sia più segreto o non lo sia mai stato, pur restando fermo il divieto di pubblicazione dell’atto, anche in modo parziale, se ne può pubblicare il contenuto, e dunque, argomento, soggetto o tema.  

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 41640/19; depositata il 10 ottobre)

La normativa di riferimento. Preliminarmente, appare necessario richiamare e dare contezza delle norme richiamate dalla Corte nella sentenza in commento, atteso che l’interpretazione fornita sull’argomento dai giudici è data dall’analisi...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.