POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 13 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 18 Luglio 2019

Il Senato ha approvato il Codice Rosso: ora è legge

di La Redazione

Approvato ieri dal Senato il disegno di legge n. 1200, c.d. Codice Rosso, che tutela le vittime di violenza domestica e di genere. Inasprite le pene, rimodulate le aggravanti per alcuni delitti e introdotte nuove fattispecie di reato.

Il Codice Rosso diventa legge. È stato approvato ieri dal Senato, con 197 voti favorevoli, 47 astensioni e nessun voto contrario, il Codice Rosso (disegno di legge n. 1200), che apporta delle modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e alle altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere.

 

21 articoli. Esso si compone di 21 articoli che individuano un catalogo di reati attraverso i quali si esercita la violenza domestica e di genere, ricomprendendo, tra gli altri, il maltrattamenti contro familiari e conviventi, la violenza sessuale, aggravata e di gruppo, gli atti sessuali con minorenni e gli atti persecutori.
Il ddl 1200 interviene sul codice di procedura penale in modo da velocizzare l'instaurazione del procedimento penale e, conseguentemente, accelerare l'eventuale adozione di provvedimenti volti a proteggere le vittime.
Inoltre, esso inasprisce le pene previste dal codice penale, aumenta la durata delle misure cautelari, rimodula le aggravanti e introduce nuove fattispecie di reato volte a colmare dei vuoti normativi.



Qui il disegno di legge n. 1200 approvato dal Senato