POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 27 maggio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

patteggiamento | 15 Maggio 2019

Applicazione della pena su richiesta delle parti e omessa applicazione della misura di sicurezza dell’espulsione

di Annalisa Gasparre - Dottoranda di ricerca

Nell’ipotesi di sentenza di applicazione della pena che abbia omesso di disporre o di valutare l’espulsione dal territorio dello Stato dello straniero per uno dei reati indicati dal “Testo Unico Stupefacenti” il PM può impugnare la decisione con ricorso per cassazione, non ostandovi la previsione codicistica che individua ipotesi tassative per la proponibilità di detta impugnazione, tra le quali l’illegalità della misura di sicurezza.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 20781/19; depositata il 14 maggio)

Così la Corte di Cassazione con sentenza n. 20781/19, depositata il 14 maggio.   Il caso. Il giudice per le indagini preliminari applicava all’imputato la pena concordata relativamente a reati in materia di stupefacenti unificati...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.