POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 17 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

reati sessuali | 07 Maggio 2019

Manovre improprie del ginecologo: i limiti alla necessità del consenso

di Paolo Della Noce - Avvocato

Un medico, nell’esercizio di attività diagnostica o terapeutica può lecitamente compiere atti incidenti sulla sfera della libertà sessuale di un paziente solo se abbia acquisito un consenso esplicito ed informato dallo stesso, o se sussistano i presupposti dello stato di necessità e, inoltre, deve comunque immediatamente fermarsi in caso di dissenso del paziente.  

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 18864/19; depositata il 6 maggio)

La vicenda. Un medico ginecologo veniva tratto in giudizio in seguito alle denunce di tre pazienti, le quali avevano lamentato un’impropria invasività della visita. La Corte di Appello assolve l’imputato ritenendo non provato,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.