POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 24 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure cautelari personali | 11 Gennaio 2019

Genitorialità e carcere: l'interesse prevalente del minore

di Erica Larotonda

L'art. 47-quinquies ord. pen. stabilisce che le madri detenute, con prole di età inferiore a dieci anni, nel caso di pena detentiva superiore a quattro anni e, dopo averne espiato un terzo, possono essere ammesse a scontare la pena presso la propria abitazione, in luogo di altra privata dimora, ovvero in luogo di cura e assistenza. Ciò alla luce dell'interesse del minore a mantenere un rapporto significativo e, per quanto possibile, normale, con la figura genitoriale.  

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 1029/19; depositata il 10 gennaio)

E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 1029/19, depositata il 10 gennaio.   Il caso. Una condannata per i reati di cui agli artt. 73/74, commi 2 e 3, d. P.R. n. 309/90, avanzava istanza di detenzione domiciliare...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.