POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 09 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

legittimo impedimento | 19 Dicembre 2018

L’accertato stato di gravidanza del difensore costituisce legittimo impedimento

di Serena Gentile - Avvocato penalista

Ai sensi dell’art.420-ter, coma 5-bis, c.p.p., il difensore che abbia comunicato prontamente lo stato di gravidanza deve ritenersi legittimamente impedito a comparire nei due mesi precedenti la data presunta del parto e nei tre mesi successivi ad esso. Tale principio, sebbene non applicabile in via retroattiva, secondo una lettura costituzionalmente orientata verso l’art.3 Cost, può trovare applicazione anche nelle vicende processuali anteriori alla data di entrata in vigore (1° gennaio 2018) della citata norma di legge.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 56970/18; depositata il 18 dicembre)

La Corte di Cassazione, con la pronuncia n.56970/2018, depositata il 18 novembre u.s., si pronuncia sul delicato tema del legittimo impedimento da parte del difensore legato a ragioni derivanti dallo stato gestazionale dell’avvocato richiedente.   Il...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.