POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 20 gennaio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

ingiusta detenzione | 29 Novembre 2018

L’alibi falso non è sufficiente per negare l’indennizzo per l’ingiusta detenzione patita dall’indagato

di La Redazione

Ai fini del riconoscimento dell’indennità per ingiusta detenzione cautelare, è necessario che il richiedente non abbia dato causa, con il suo comportamento doloso o gravemente colposo, all’adozione della misura cautelare. Il giudice deve in tal senso valutare tutti gli aspetti della condotta del ricorrente e considerare il complessivo compendio probatorio a suo carico.  

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 53340/18; depositata il 28 novembre)

Così la Corte di Cassazione con la sentenza n. 53340/18, depositata il 28 novembre.   Il caso. La Corte d’Appello di Firenze, pronunciandosi in sede rescissoria, accoglieva solo in parte la richiesta di indennizzo presentata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.