POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 13 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

informazioni provvisorie | 26 Ottobre 2018

Recenti informazioni provvisorie delle Sezioni Unite

La revisione del provvedimento dichiarativo dell’estinzione del reato per intervenuta prescrizione, la considerazione dei precedenti penali dell’imputato volta al conteggio dei termini di prescrizione del reato e le condizioni per le quali il giudice debba applicare d’ufficio la sospensione condizionale della pena sono le tematiche argomentate dalle ultime informazioni provvisorie depositate dalle Sezioni Unite il 25 ottobre 2018.  

Revisione della sentenza. Un imputato viene condannato al risarcimento del danno sofferto dalla parte civile. Decisione adottata tramite una sentenza dichiarativa che ha altresì riconosciuto l’estinzione del reato in quanto prescritto. Gli Ermellini, con l’informazione n. 25, rispondono positivamente all’ipotesi di revisionare suddetta sentenza dichiarativa.

 

La recidiva influisce sul calcolo del termine di prescrizione del reato? Con l’informazione n. 26 la Suprema Corte ha stabilito che, nel caso in cui la reiterazione del reato venga accertata implicitamente dal giudice di merito, e ciò nonostante non abbia né incrementato la pena né escluso l’applicabilità delle attenuanti generiche, non influisce sul calcolo tempo di prescrizione del reato accertato.

 

Sospensione d’ufficio della condizionale della pena. Dall’informazione provvisoria n. 27 viene sancito che l’imputato che non richiede prontamente l’applicazione della sospensione condizionale della pena nel giudizio d’appello, deve sottostare alla relativa decisione - sia di contenuto positivo che negativo – adottata d’ufficio dal giudice purché sia debitamente motivata.

 



Qui l’informazione provvisoria delle Sezioni Unite Penali del 25 ottobre 2018, n. 25, 26 e 27