POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 04 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

ordinamento penitenziario | 12 Luglio 2018

Condannati all’ergastolo per sequestro di persona: incostituzionale la disciplina delle misure premiali

di Giuseppe Marino - Avvocato e Dottore di ricerca in Giustizia costituzionale

L’appiattimento all’unica e indifferenziata soglia di 26 anni per l’accesso ai benefici penitenziari prevista per i soli condannati all’ergastolo a titolo di sequestro di persona a scopo di estorsione, terrorismo o eversione si pone in contrasto con il principio della progressività trattamentale e flessibilità della pena.

(Corte Costituzionale, sentenza n. 149/18; depositata l’11 luglio)

Lo ha stabilito la Corte costituzionale con sentenza n. 149/18; depositata l’11 luglio. Il caso. La pronuncia in commento trae origine dalla questione di legittimità costituzionale dell’art. 58-quater, comma 4, l. n. 354/1975...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.