POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 16 agosto 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

delitti contro la fede pubblica | 17 Maggio 2018

Dichiarazioni sostitutive mendaci: costituiscono un falso ideologico?

di Laura Piras - Avvocato

Nel caso di dichiarazione sostitutiva resa ai sensi dell’art. 46 d.P.R. n. 445/2000, che ha la funzione di autocertificare la verità di stati e qualità personali del dichiarante, nel caso in cui sia presente il richiamo alle sanzioni penali previste per le ipotesi di falsità, ove le dichiarazioni ivi inserite siano inveritiere, si configura il reato di cui all’art. 483 c.p..

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 21683/18; depositata il 16 maggio)

Così la Cassazione con sentenza n. 21683/18, depositata il 16 maggio. Il caso. L’imputato, all’atto della propria richiesta d’iscrizione all’ordine professionale, con dichiarazione sostitutiva aveva attestato di non...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.