POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 16 agosto 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

molestie telefoniche | 09 Febbraio 2018

Anche una sola telefonata può integrare il reato di molestie

di Francesco, G. Capitani - Avvocato

La condotta, purché biasimevole e petulante, può non essere abituale e consente l’esclusione della non punibilità per particolare tenuità del fatto ex art. 131-bis c.p., inapplicabile in caso di condotte plurime e reiterate. I giudici negano, inoltre, ogni ipotesi di incostituzionalità della previsione di inappellabilità delle sentenze di condanna all’ammenda, ex art. 593 c.p.p.: il doppio grado di giudizio non costituisce principio immanente all’intero sistema processuale penale.

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 6064/18; depositata l’8 febbraio)

Così la Cassazione pen., prima sezione, n. 6064/18, depositata l’8 febbraio. Una sola azione molesta può fare il reato. Furono solo tre le telefonate fra l’ex coniuge imputato e la “fu consorte” persona offesa...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.