Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

gratuito patrocinio | 12 Gennaio 2018

... anche Lupin potrebbe essere “non abbiente”

di Erica Larotonda

Ai sensi dell'art. 96, comma 2, d. P.R. n. 15/2002, per determinare se l'interessato versi in una condizione economica difficile, devono considerarsi numerosi elementi: il casellario giudiziale, il tenore di vita, le condizioni familiari e personali e le attività economiche dello stesso. Devono essere esaminati anche i redditi provenienti da fonte illecita, ma queste valutazioni non possono fondarsi su meri automatismi.

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 836/18; depositata l'11 gennaio)

E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 836/18, depositata l'11 gennaio. Il caso. Il Tribunale competente rigettava il ricorso, presentato ex art. 99 d. P.R. n. 115/2002, da un imputato, avverso il diniego di ammissione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.