Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 19 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

delitti contro il patrimonio | 11 Gennaio 2018

Ladro ludopatico: due colpi per pagare i debiti di gioco. Esclusa la disciplina del reato continuato

Rapina in un supermercato e furto in campagna. Gli episodi si sono verificati in neanche due mesi. Obiettivo dell’uomo: racimolare soldi per far fronte agli ingenti debiti di gioco. Per i Giudici della Suprema Corte, però, la ludopatia non è assimilabile alla tossicodipendenza ai fini dell’applicazione dell’art. 671, comma 1, c.p.p. (Applicazione della disciplina del concorso formale e del reato continuato).

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 866/18; depositata l’11 gennaio)

Protagonista della vicenda un uomo affetto da ludopatia. Nonostante questo dato, e quindi la conseguente necessità di denaro per pagare i propri debiti di gioco, viene esclusa l’ipotesi del “reato continuato”. Su questo punto...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.