POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 luglio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

reati contro la pubblica amministrazione | 02 Gennaio 2018

L’occasione fa il dipendente ladro (e il peculato)

di Francesco, G. Capitani - Avvocato

La materiale disponibilità della cosa può non essere direttamente succedanea alle mansioni d’ufficio, siccome non prescritto al dipendente/amministratore il possesso della cosa illecitamente acquisita. Altrettanto rigorista è ormai la giurisprudenza di legittimità sull’accesso abusivo del dipendente al sistema informatico ex art. 615-ter c.p.: a rilevare è l’accesso, al di là dei fini e delle abilitazioni alla permanenza nel sistema.

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 57521/17; depositata il 22 dicembre)

Così la Cassazione, sesta sez. penale, n. 57521/2017, depositata il 22 dicembre. Il fatto. 910mila euro finiti nelle tasche dei dipendenti di una azienda municipalizzata: ritiravano i soldi delle bollette di ignari utenti, attestavano falsamente...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.