Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 20 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

ordinamento penitenziario | 27 Dicembre 2017

Affidamento allargato e sospensione della pena fino a 4 anni: in attesa del legislatore si divide la giurisprudenza

di Carmelo Minnella - Avvocato penalista

Deve ritenersi che il limite previsto in astratto per la sospensione della esecuzione, ai sensi dell'art. 656, comma 5, c.p.p., sia quello della pena, anche residua, non superiore ad anni 4, quando la sospensione sia richiesta ai sensi dell'art. 47, comma 3-bis, ord. penit., cioè in correlazione con una istanza di affidamento in prova c.d. allargato. Il richiamo dell'art. 656 comma 5, c.p.p., secondo periodo, all'art. 47 ord. penit. nella sua interezza, consente, infatti, di interpretare la prima norma avvalendosi del criterio sistematico e di quello evolutivo, pur in mancanza del dato formale di una sua esplicita modifica che, tenendo conto del recente inserimento dell'art. 47, comma 3-bis, ord. penit., introduca il richiamo specifico dell'ipotesi prevista da tale nuovo comma nel testo letterale della disposizione del codice di rito.

(Tribunale di Bergamo, sez. Penale, ordinanza 15 dicembre 2017)

Affermando tale principio, il Tribunale di Bergamo, quale giudice dell’esecuzione, in tale pregevole pronuncia (ordinanza 15 dicembre 2017), ha dichiarato la nullità dell’ordine di esecuzione per la carcerazione disposto dal PM,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.