Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 17 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

particolare tenuità del fatto | 11 Dicembre 2017

È abnorme l’atto del GIP che non accoglie la richiesta di decreto penale di condanna e rinvia gli atti al PM per valutare la tenuità del fatto?

La parola alle Sezioni Unite

di Carmelo Minnella - Avvocato penalista

Va rimessa alle Sezioni Unite la soluzione da dare alla seguente questione: «se sia qualificabile come abnorme e, pertanto, ricorribile per cassazione, il provvedimento con il quale il giudice per le indagini preliminari, non accogliendo la richiesta di emissione di decreto penale di condanna, disponga la restituzione degli atti al Pubblico ministero affinché questi valuti la possibilità di chiedere l’archiviazione del procedimento per particolare tenuità del fatto, ex art. 131-bis c.p.».

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, ordinanza n. 55020/17; depositata il 7 dicembre)

Questo il dictum della pronuncia della Suprema Corte che, rilevando un contrasto di legittimità sul punto, rimette la questione alle Sezioni Unite. Il substrato procedimentale. La Procura della Repubblica di Bologna avanza al GIP richiesta...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.