Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 17 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

diritto di difesa | 21 Novembre 2017

Escluse le cause di non punibilità: il difensore “si appiglia” all’illegittimità del fascicolo digitale

Il ricorrente lamenta in Cassazione l’utilizzo illegittimo da parte del Giudice di merito del fascicolo digitale, per l’esclusione della causa di non punibilità. Secondo la Suprema Corte, però, l’unica condizione per l’utilizzabilità di atti digitali in giudizio è che non sia leso il diritto di difesa dell’imputato.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 52650/17; depositata il 20 novembre)

Sul tema la Suprema Corte con sentenza n. 52650/17; depositata il 20 novembre. Il fatto. Il GUP del Tribunale di Milano aveva, con sentenza ex art. 444 c.p.p., applicato una pena ridotta per il reato di cui all’art. 416 c.p. (Associazione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.