Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 20 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

Diffamazione | 14 Novembre 2017

Giornalista accusato di aver distorto la verità dei fatti si difende: “è una mia opinione”

L’esercizio del diritto di critica deve essere sempre fondato sulla verità dei fatti, oggetto di critica, non potendo fondarsi su presunzioni errate. Inoltre, il fatto storico errato posto a fondamento di una notizia giornalistica non sempre può rientrare nei parametri del diritto di cronaca ed essere esimente per l’addebito del reato di diffamazione.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 51619/2017; depositata il 13 novembre)

Così la Suprema Corte con sentenza n. 51619/17, depositata il 13 novembre. La vicenda. La Corte d’Appello aveva confermato la sentenza di condanna dell’appellato per il reato di diffamazione nei confronti della parte civile. Avverso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.