Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 20 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

violenza sessuale | 14 Novembre 2017

L'importanza decisiva della finalità degli atti: gioco innocente o violenza?

di Paolo Grillo - Avvocato penalista

Al fine di individuare le condotte sussumibili sotto il fuoco applicativo del delitto di violenza sessuale occorre considerare che esse debbono essere finalizzate a soddisfare la concupiscenza dell'aggressore, ovvero a compromettere la libertà sessuale della persona offesa. Dovrà pertanto tenersi in debito conto l'intero contesto in cui è maturato il fatto storico e la dinamica autore-vittima.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 51582/17; depositata il 13 novembre)

Così ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione, Sezione Terza Penale, con la sentenza n. 51582 depositata il 13 novembre 2017. Gioco erotico o innocente attività ludica? Un soggetto, di professione clown, viene coinvolto, in qualità...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.