Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 22 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

guida in stato di ebbrezza | 10 Novembre 2017

Beve troppo e si mette alla guida: deve essere rispettato il diritto di difesa anche se il prelievo ematico avviene in ospedale

di Annalisa Gasparre - Dottoranda di ricerca

Nell’ipotesi in cui la polizia giudiziaria proceda nei confronti di soggetto coinvolto in un sinistro e trasportato in ospedale sussiste l’obbligo di dare avviso della facoltà di nominare un difensore nel caso in cui il conducente sia già indiziato al momento in cui la polizia giudiziaria chieda al personale sanitario di procedere ad esami clinici per la verifica del tasso alcolemico, a condizione che l’accertamento non sia espletato per fini di cura della persona ma sia eccentrico rispetto alle finalità terapeutiche del caso concreto perché finalizzato unicamente alla ricerca della prova della colpevolezza dell’indiziato.

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 51284/17; depositata il 9 novembre)

È il principio affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 51284/17, depositata il 9 novembre. Il caso. Una donna, coinvolta in un sinistro, veniva trovata priva di coscienza all’interno di un’autovettura e trasportata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.