Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 18 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

guida in stato di ebbrezza | 09 Novembre 2017

Errore del giudice nella valutazione dei risultati dell’alcoltest

L’imputato veniva assolto dal reato di guida in stato di ebbrezza perché dalla valutazione del giudice di merito emergeva che lo stesso non avesse superato i limiti previsti dall’art. 186 c.d.s.. Il PM, però, ricorre in Cassazione contro l’assoluzione lamentando lo scorretto utilizzo delle prove etilometriche da parte del giudice.

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 50980/17; depositata l’8 novembre)

Sul punto la Suprema Corte con sentenza n. 50980/17, depositata l’8 novembre. La vicenda. A seguito dell’assoluzione dell’impuntato dal reato di cui all’art. 186, comma 2, lett. b) c.d.s. (Guida sotto l'influenza dell'alcool)...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.