POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 21 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

misure di prevenzione | 09 Novembre 2017

È in salita la strada per l’istituto di credito contro la confisca di prevenzione

di Enrico Fontana - Avvocato penalista

Grava sulla parte che propone la domanda di accertamento del credito su un bene oggetto di confisca di prevenzione l’onere di provare la fondatezza della domanda nei suoi fatti costitutivi, mentre al giudice compete, quando richiesto dal dibattito processuale e dalla natura delle circostanze da accertare, l’attivazione d’ufficio per l’assunzione di documentazione e informazioni pertinenti presso autorità pubbliche che le detengano.

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 51040/17; depositata l’8 novembre)

Oltre a quello appena enunciato, con la medesima sentenza si è affermato anche l’ulteriore principio di diritto secondo cui «quando il terzo proponga domanda di accertamento del credito ai sensi dell’art. 1, comma 200, legge...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.