POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 26 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

sequestro preventivo | 20 Ottobre 2017

Fumus commissi delicti: non è necessaria la gravità indiziaria ma solo l’astratta configurabilità della fattispecie di reato contestata

di Francesca Valerio - Magistrato ordinario in tirocinio

In tema di sequestro preventivo, la verifica del “fumus” del reato non deve risolversi in un giudizio, seppure prognostico, di colpevolezza in ragione della fase cautelare cui accede, essendo sufficiente la verifica circa la coerenza con le emergenze investigative acquisite dell’ipotesi di reato provvisoriamente ascritta nelle sue componenti oggettive e soggettive.

(Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza n. 48227/17; depositata il 19 ottobre)

E’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione nella pronuncia n. 48227 del 19 ottobre 2017. Il caso. Il giudizio trae origine da un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente emesso nei confronti di un soggetto...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.