POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 febbraio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

violenza sessuale | 13 Settembre 2017

Palpeggiamento prolungato eppure passato inosservato: vacilla la versione della donna

Rimessa in discussione la condanna nei confronti di un medico accusato di violenza sessuale. L’episodio si è verificato al Pronto Soccorso, alla presenza di diversi familiari della vittima, e il gesto, secondo quanto da lei raccontato, non è stato fulmineo.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 41628/17; depositata il 13 settembre)

Palpeggiamento prolungato e per nulla gradito. Scenario una struttura ospedaliera: vittima una giovane donna, appena arrivata al Pronto Soccorso; sotto accusa un medico anestesista, a cui viene contestato il reato di violenza sessuale. La ricostruzione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.