Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 23 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 13 Settembre 2017

Verso l’introduzione del reato di propaganda fascista

La Camera dei Deputati ha approvato ieri, 12 settembre 2017, la proposta di legge relativa all’introduzione dell’art. 293-bis del codice penale, concernente il reato di propaganda del regime fascista e nazifascista. Ora la parola passa al Senato.

Con 261 voti favorevoli, 122 contrari e 15 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato ieri, 12 settembre 2017, la proposta di legge relativa all’introduzione dell’art. 293-bis c.p., concernente il reato di propaganda del regime fascista e nazifascista.

Art. 293-bis c.p.. La proposta di legge ha come protagonista il nuovo articolo che introdurrà il reato di «Propaganda del regime fascista e nazifascista», la cui fattispecie reca «Chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco, ovvero delle relative ideologie, anche solo attraverso la produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, ovvero ne richiama pubblicamente la simbologia o la gestualità è punito con la reclusione da sei mesi a due anni. La pena di cui al primo comma è aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici ».