Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 19 agosto 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

prostituzione minorile | 07 Agosto 2017

“Non credevo fosse minorenne”… come dimostrarlo?

In tema di prostituzione minorile, il fatto tipico scusante previsto dall’art. 602-quater c.p. in relazione all’ignoranza inevitabile circa l’età della persona offesa, è configurabile solo se emerge che all’agente non può essere rivolto nessun rimprovero, neppure di semplice leggerezza.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 36606/17; depositata il 24 luglio)

Lo hanno ribadito gli Ermellini con sentenza n. 36606/17 depositata il 24 luglio. Il caso. La Corte d’Appello di Napoli confermava la sentenza del GIP che condannava l’imputato alla reclusione per i reati di prostituzione minorile e...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.