POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 25 aprile 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

dna | 16 Giugno 2017

Banca dati DNA: in G.U. il decreto sulla cancellazione dei profili

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 giugno 2016, n. 137 il decreto ministeriale del 12 maggio 2017 contenente le modalità di cancellazione dei profili del DNA, di distruzione dei campioni biologici, di immissione e aggiornamento dei dati necessari ai fini della determinazione dei tempi di conservazione dei medesimi profili DNA nella banca dati del DNA.  

Cancellazione dalla banca dati DNA. E’ stato pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale n. 137/17 il decreto del Ministero dell’Interno del 12 maggio 2017 contenente le «Modalità di cancellazione dei profili del DNA, di distruzione dei campioni biologici, di immissione e aggiornamento dei dati necessari ai fini della determinazione dei tempi di conservazione dei medesimi profili DNA».
La normativa introduce alcune novità per la Banca Dati del DNA.
Sono previste, infatti, procedure per la cancellazione dei profili del DNA e distruzione dei campioni biologici nel laboratorio centrale, qualora siano appartenenti a soggetti successivamente assolti dai procedimenti penali con formula assolutoria piena. Sarà direttamente il giudice che ha emesso la sentenza ad ordinare d'ufficio la cancellazione del profilo del DNA dell'assolto e la distruzione dei relativi campioni biologici.
Inoltre, decorsi 30 anni dall'ultima circostanza che ha determinato l'inserimento del profilo del DNA nella banca dati, sarà automaticamente cancellato.



Qui il decreto del Ministero dell’Interno 12 maggio 2017; in G.U. 15 giugno 2017, n. 137