Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 24 ottobre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

maltrattamento animali | 16 Giugno 2017

Il collare a stimoli elettrici è in funzione, ma per condannare serve di più

di Erica Larotonda

La contravvenzione di cui all'art. 727 c.p. si caratterizza tanto per l'elemento costitutivo dell'incompatibilità della detenzione con la natura dell'animale quanto per quello dell'idoneità della stessa a cagionargli sofferenze.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 30155/17; depositata il 15 giugno)

E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 30155/17, depositata il 15 giugno. Il caso. Il Tribunale competente condannava un imputato per l'illecito di cui all'art. 727 c.p. (abbandono di animali). Allo stesso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.