Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 24 agosto 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

sostanze stupefacenti | 18 Maggio 2017

Il giudice può negare l’attenuante allo spacciatore, ma deve darne adeguata giustificazione

Nella valutazione dell’applicabilità o meno al caso di specie dell’attenuante del danno economico di speciale tenuità, serve un’adeguata motivazione del giudice e una verifica in concreto che dia consistenza, per grado e qualità, alla lesione del bene tutelato dalla norma penale.

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 24533/17; depositata il 17 maggio)

Così si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 24533/17 depositata il 17 maggio. Il caso. Un soggetto veniva condannato dal GUP per il reato ex art. 73 d.P.R. n. 309/1990 («produzione, traffico e detenzione illeciti...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.