Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 21 ottobre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

confisca | 17 Marzo 2017

Le SS.UU. sui confini della confisca di prevenzione, nei confronti di soggetti diversi dal proposto

di Donato La Muscatella - Avvocato

Gli Ermellini risolvono i contrasti relativi alle corrette modalità per incamerare beni appartenenti a soggetti che si trovino in rapporto di successione con il proposto e, contestualmente, ai limiti di tali strumenti ablatori. Il tema è noto e controverso: nel campo della cautela, tanto più quando azionata praeter delictum, si confrontano istanze di tutela anticipata della società, cui recherebbe pregiudizio la circolazione di beni illecitamente acquisiti – che potrebbero a loro volta essere presupposto per delinquere – e garanzie difensive, in un rito caratterizzato da presunzioni ed inversioni dell’onere della prova.

(Corte di Cassazione, sez. Unite Penali, sentenza n. 12621/17; depositata il 16 marzo)

Con la sentenza n. 12621 del 16 febbraio 2017, la Corte di Cassazione torna ad occuparsi, nella composizione più estesa, di misure di prevenzione. Il caso. Il giudizio a quo aveva visto l’integrale conferma, da parte della Corte distrettuale,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.