POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

misure cautelari | 17 Marzo 2017

La retrodatazione non si applica quando le ordinanze cautelari sono emesse in fasi processuali diverse

di Alfredo De Francesco - Avvocato

Quando sono emesse più ordinanze che dispongono la medesima misura cautelare personale nei confronti dello stesso imputato per fatti connessi, la regola della retrodatazione della durata dei termini di custodia cautelare prevista dall’art. 297 comma 3 c.p.p. non trova applicazione se la richiesta è presentata in una fase successiva a quella delle indagini preliminari.

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 12752/17; depositata il 16 marzo)

Questo è il principio ribadito dalla Corte di Cassazione, Sezione VI Penale, con sentenza n. 12752, depositata il 16 marzo 2017, che seppur nella sua sinteticità, ha voluto chiarire un punto fondamentale in tema di retrodatazione dell’efficacia...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.