Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 16 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

arresto in flagranza | 02 Marzo 2017

Voce del verbo “inseguire” nell'arresto in flagranza

Ai fini della legittimità dell’arresto in flagranza ciò che rileva è che colui che lo esegue si determini in virtù della diretta percezione della situazione fattuale, costitutiva dello stato di flagranza dell’autore del reato, e non sulla base di informazioni ricevute da terzi.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 10028/17; depositata il 1° marzo)

Così si è espressa la Suprema Corte con sentenza n. 10028/17 depositata il 1° marzo. Il caso. Il GIP di Mantova non convalidava l’arresto dell’indagato poiché, a suo giudizio, difettavano i presupposti della...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.