Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 23 ottobre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

mandato d’arresto europeo | 27 Settembre 2016

Condizioni ostative alla consegna dell’imputato all’Autorità giudiziaria straniera

di Alessandro Ferretti - Professore di Diritto dei Beni Culturali

La Corte di Cassazione affronta la questione relativa alla possibilità di consegnare un soggetto condannato alle autorità giudiziarie straniere, in presenza di un rischio sul pericolo concreto ed attuale di subire pratiche inumane o torture a causa del sovraffollamento carcerario e delle critiche condizioni delle carceri del Paese straniero.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 40032/16; depositata il 26 settembre)

Questa la tematica affrontata dalla sesta sezione penale della Corte di Cassazione con la sentenza n. 40032/16 depositata il 26 settembre. Rischio trattamenti inumani o torture. La Corte di appello territoriale si era espressa favorevolmente alla...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.