POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 20 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

omicidio | 02 Agosto 2016

Paziente depressa si suicida: colpevole lo psichiatra

di Attilio Ievolella

La donna è stata ricoverata nel reparto di Neuropsichiatria di una ‘Casa di cura’, con una diagnosi di disturbo bipolare con tendenze al suicidio. Nel suo passato anche due tentativi di togliersi la vita. Tutto ciò avrebbe reso necessaria non solo una terapia farmacologica ma anche una sorveglianza ventiquattro ore su ventiquattro. Sotto accusa lo psichiatra, colpevole di non aver adottato tutte le misure necessarie.

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 33609/16; depositata il 1° agosto)

Reparto di Neuropsichiatria: viene ricoverata una donna affetta da disturbo bipolare in fase depressiva con tendenze suicide. Necessaria, come facilmente immaginabile, la massima sorveglianza. E invece nessuna indicazione specifica arriva dallo psichiatra. Addebitabile...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.