POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 24 settembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

concorso di persone nel reato | 11 Marzo 2016

Furto o rapina impropria? Ecco i confini del “concorso anomalo”

di Paolo Grillo - Avvocato penalista

E' sussistente il rapporto di causa ad effetto tra il reato di furto, oggetto di iniziale programmazione criminosa, e quello di rapina impropria, commesso successivamente. Ciò perché è perfettamente prevedibile che uno dei concorrenti possa assumere condotte violente o minacciose per assicurarsi il profitto del furto o l'impunità. Vi è concorso anomalo soltanto se il compartecipe che volle il reato meno grave, pur non avendo previsto il fatto maggiormente offensivo, avrebbe potuto prevederlo come sviluppo logico dell'azione delittuosa convenuta. 

(Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza n. 9906/16; depositata il 10 marzo)

Così ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione, Sezione Seconda Penale, con la sentenza n. 9906/16, depositata il 10 marzo. Hai voluto la bicicletta? E ora pedala! Classico motto che si addice a chi, consapevolmente, si caccia nei guai....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.